person_outline



search

Letter from Lhasa, number 369. Le avventure di Cipollino

Letter from Lhasa, number 369.Le avventure di Cipollino

by Roberto Abraham Scaruffi

Rodari, G.,Le avventure di Cipollino, Einaudi Ragazzi, San Dorligo della Valle, Trieste, Italy, 2010.

(Rodari 2010).

Gianni Rodari

Cipollone, il padre di Cipollino e di altri sette suoi fratelli, venne arrestato per sovversione. L’accusa era del tutto inventata. Venne comunque condannato all’ergastolo.

A Cipollino, che lo era andato a trovare, Cipollone rivelò che, in galera, era pieno di galantuomini, che erano in prigione proprio per questo motivo, dato che al Principe non piacevano le persone per bene. I malfattori stavano col Principe mentre quelli per bene, o parte di loro, in prigione.

Cipollino, capita la situazione, dichiarò al padre, ascoltato pure dalla guardia che subito pose fine al colloquio, che intendeva divenire un buon cittadino, pur senza finire in prigione ed, anzi, liberando coloro vi si trovavano. Affidò la madre ed i fratelli ad uno zio che, fortunato, aveva un lavoro, e si mise in cammino. Prese la prima strada gli capitò, che si rivelò giusta e, in un paio d’ore, arrivò al paese giusto dove incontrò Zucchina che, coi risparmi di una vita, si era appena costruito una casa della grandezza di un canile. 

Con gran frastuono arrivò il cavalier Pomodoro ad intimare a Zucchina di sloggiare immediatamente dato che aveva costruito su terre altrui. Ne prese le difese proprio Cipollino che, aggredito da Pomodoro, si salvò perché questi cominciò a piangere dato che Cipollino era della specie delle cipolle.

Cipollino trovò dunque lavoro nella bottega del ciabattino, mastro Uvetta. Un giorno Pomodoro arrivò coi gendarmi e sloggiò Zucchina mettendo al suo posto il cane Mastino. Ma Cipollino diede a questi un sonnifero e, così addormentatolo, lo riportò a Pomodoro. Su proposta di Cipollino, la casetta, non più sorvegliata per il momento, fu caricata su un carro e nascosta nel bosco.

Le padrone del villaggio erano le contesse del Ciliegio. Quando Pomodoro scoprì che la casa di Zucchina era scomparsa, avvisò il governatore e si fece dare una ventina di poliziotti, i limoncini, che arrestarono molta gente del paese, ma non Cipollino. Cipollino aveva fraternizzato con una bambina, Ravanella. Con lei andò al castello dove conobbero Ciliegino, il nipotino delle contesse del Ciliegio. Li sorprese Pomodoro ed i due dovettero fuggire, col successo tuttavia di avere fraternizzato con Ciliegino un bimbo ammalato di solitudine. 

Alla fine pure Cipollino si trovò arrestato e messo in isolamento. Casualmente liberato da una talpa, la convinse facilmente a scavare nella direzione della prigione dove stavano accalcati gli altri. Tuttavia, concluso il lavoro, accecata dalla luce, la talpa fuggì, impedendo così, non continuando gli scavi, la fuga di massa dalla prigione. Unitosi Cipollino agli altri, furono comunque tutti liberati da Ciliegino che si era procurato la chiave della prigione. 

Il racconto si sviluppa con molte altre vicende, ed immagini e dinamiche di valore allegorico (tra cui la talpa della supposta rivoluzione).

Alla fine, la rivoluzione, o tale ritenuta e chiamata, caccia via la vecchia classe dirigente nobiliare ed instaura la repubblica. E così, annuncia la conclusione del racconto, accadrà in tutti gli altri castelli (e relativi territori) del mondo, e tutti (a parte chi si trova espropriato dei propri privilegi e coloro che devono fuggire altrove, finché vi sarà un altrove) vivranno felici e contenti, inclusi quelli della vecchia classe dirigente che si saranno allineati per tempo con nuovo che avanza. ...Una favoletta...

In Italiozia, era il 1951 ed anni successivi a seconda di quando chi abbia letto il racconto lo abbia letto. Si  viveva nella repubblica dei voltagabbana, come ovunque nel mondo vi siano cambiamenti di cosiddetti regimi. Cambiano le etichette ma poi ci sono sempre gli stessi, sia in basso che negli altri livelli. Gianni Rodari, del 1920, di Omegna, già precettore e maestro elementare, si iscrisse al PCI l’1/5/1944 e vi restò fino alla morte, avvenuta nel 1980. Questa tessera, unita alla sua passione per scrivere per bambini, fu la sua fortuna come scrittore per l’infanzia in Italia ed all’estero.

Non sono sicuro che un bimbo capisca e si diverta di più se personaggi normali sono chiamati e rappresentati con nomi ed immagini di ortaggi. Quanto alle ideologie trasmesse, tutti gli autori ne trasmettono. Del resto, immagini bonarie ed edulcorate rendono di più, suppongo, sul mercato dell’immaginario infantile [mercato gestito da adulti che ritengono di immedesimarsi nella mente infantile oltre al doversi barcamenare nei luoghi comuni dei tempi], che crudi realismi. Il mercato dell’immaginario, qualunque sia l’età e la formazione dei destinatari, non è ovviamente quello che magari il destinatario desidererebbe o si meriterebbe. Del resto, anche il bimbo venga raggiunto da immagini supposte specifiche per la sua età è pure variamente bombardato dalle immagini e dai messaggi che raggiungono un po’ tutti.

Non ho ricette da offrire, o proporre, o suggerire. I mercati dell’immaginario propongono quello il sistema, nelle sue varie articolazioni, produce. Ognuno riceve quello circostanze e propensioni fanno sì riceva, e lo filtra secondo come la sua personalità in formazione ed evoluzione lo recepisca.

Rodari, G.,Le avventure di Cipollino, Einaudi Ragazzi, San Dorligo della Valle, Trieste, Italy, 2010. 

Pin It
Atualizado em: Sex 19 Jun 2015

Deixe seu comentário
É preciso estar "logado".

Curtir no Facebook

Autores.com.br
Curitiba - PR

webmaster@number1.com.br

whatsapp  WhatsApp  (41) 99115-5222